MASSIMILIANO BADIALI

RECENSIONI DI PITTURA

LELIA BURRONI

MOSTRA PROFUMI DI LUCE

http://www.onlusmecenate.it/mostraPROFUMIDILUCELeliaBurroni.htm

  • Nella mostra Profumi di Luce di Lelia Burroni il paesaggio naturale, floreale e antropico, pi¨ che realtÓ presa a modello, diviene punto di partenza che la libertÓ inventiva dell’artista trasforma in un qualcosa di trasfigurato. I quadri floreali e antropici rimandano, infatti, ad un panteismo iconografico. Il panismo pitturale di Campane degli Angeli sovrintende al trascendente, simbolo di Eros e Thanatos. Esistenze e’ l’emblematico e speculare sinodo di apparenza ed essenza. La natura e l’anima in Peonie sono trasfigurate in una sorta di eden di forme e colori. L’uso cromatico di spatolate audaci Ŕ indissociabile in Girasoli  dall'affermazione della potenza espressiva della linea, che diviene allusiva sinestesia di tatto, vista e olfatto. L’artista inventa un ruolo nella suggestione della luce: in Onde di Lavanda distribuisce sottilmente i rapporti dei riflessi, attenta agli schiarimenti imprevisti che gettano chiazze di luce e ombre sulle tele.

  •  

     

    prof. Massimiliano Badiali