MASSIMILIANO BADIALI

RECENSIONI DI PITTURA

 

VALENTINA RICCI

 

tiffany and co

L’arte di Valentina Ricci Ŕ fortemente allegorica:  ogni dipinto, specchio retorico della percezione esistenziale, propone una storia raccontata nel paese della fantasia. Le immagini, le figure, le nature morte sono inserite all'interno di un immaginario na´f, dove il colore ha una funzione istintiva primaria e diviene dinamismo costruttivo al linguaggio della pittura. I dipinti si stagliano sul confine di due iperurani figurativi: l’Iperrealismo e il Transastrattismo.  Nei quadri iperrealisti se le immagini possiedono un ruolo fatale, in quanto divengono spettacolo di percezione e strumento di seduzione, Ŕ il colore ad assumere una valenza simbolica: il cromatismo di questi dipinti, infatti, rievoca il cartone animato e il fumetto (Vortice di modernitÓ) o la pop art (Torre iconografica) e appare hollywoodiano, fiabesco e disneyano. Anche la tecnica pittorica presenta immaginazione e sincretismo di ritagli stilistici ( collage, olio ecc.).  Nei quadri transastrattisti (Natura morta) i colori si stemperano, e compaiono elementi di richiamo classico. I quadri dell’artista esprimono la qualitÓ nel loro essere superficie informativa di segni e di colore. I dipinti di Valentina Ricci sono accumulazione e stratificazione di oggetti e segni dell’immaginazione: restituzione in tela di una realtÓ allegorica e iperrealista .

prof. Massimiliano Badiali